social media,

Social Media Marketing: ecco perché è così importante!

 Oggi abbiamo avuto il piacere di conoscere Roberto Quintavalle, che ha risposto a delle nostre domande sul mondo dei Social Media, una realtà in forte espansione, soprattutto sempre più utilizzata come mezzo di marketing per aumentare credibilità, visibilità e popolarità del proprio brand aziendale. A seguito la breve ma interessante intervista:

  • Buongiorno Roberto, per prima cosa può descrivere la sua azienda e di cosa si occupa?

    NetPlanner è una web agency che vanta 20 anni di esperienza nel settore web (lavoriamo nel settore dal 1997). Siamo nati scrivendo centinaia di righe di codice in HTML per poi evolverci nelle nuove tecnologie messe a disposizione dai mercati verticali, ovvero i CMS come Joomla!, Wordpress e Prestashop.

    Vantiamo un pacchetto di quasi 200 siti web attualmente attivi e cerchiamo di fare la differenza rispetto ai nostri competitor con la presenza umana ed una proiezione verso un'assistenza tecnica presente, preparata e professionale.

    Il web piace, ma le generazioni come la mia (a cavallo tra i 40 e i 50 anni) sono divise esattamente a metà tra chi è un guru dell'informatica e chi invece non ne sa proprio nulla. NetPlanner cerca da sempre di colmare questo divario proponendo prodotti professionali, pubblicitariamente efficaci e semplici da usare, ma lo facciamo con un linguaggio per i nostri clienti comprensibile e chiaro, senza dare nulla per scontato.

    Quello che ci guida da sempre è una grande passione per il nostro mestiere e la voglia di crescere e mettersi in discussione è un valore aggiunto che diventa sempre più prezioso man mano che l'automazione prende spazio alla presenza umana.

  • Per un'azienda quanto è importante la propria presenza su Social?

    Google è il padrone indiscusso dei mercati sul web ed essere indicizzati in una posizione più favorevole rispetto ad un competitor è fondamentale per avere un ritorno di popolarità (e quindi anche economico) e rendere produttivo il proprio sito web.

    I social sono diventati fondamentali per aumentare questa presenza e rafforzare il posizionamento nei motori di ricerca.

    Chi decide di essere presente nel web non può esimersi dal creare delle pagine nei social più popolari, ma esiste una distorsione nella percezione di tali strumenti (che reputiamo dannosa e pericolosa) che fa credere ai più, che il social possa sostituire il sito web: niente di più sbagliato! Il Social network, per via della sua enorme diffusione, è un veicolo pubblicitario eccezionale, ma (esattamente come il volantinaggio tradizionale) deve portare l'utente ad approfondire l'argomento trattato in una sede più appropriata: nel caso del volantinaggio può essere un negozio, ma nel caso dei social deve necessariamente essere un sito web.

    Troppo spesso mi sento rispondere che: "il sito non mi serve perché ho già la pagina Facebook...".

    Per rispondere alla domanda: I social sono fondamentali per la riuscita di una campagna pubblicitaria, ma per un'azienda dovrebbero essere satelliti di un sito web e mezzo per portare gli utenti alla propria pagina di invito all'azione.

    Molte volte vediamo imprese locali con account social male gestiti o trascurati.

  • Che consigli darebbe per promuovere nel modo giusto la propria attività sui social media?

    Nel rispondere a questa domanda "predico bene ma razzolo male". Affinché una pagina social sia efficace, dovrebbe essere in costante movimento: post tematici (ma anche no), inviti all'azione, coinvolgimento del proprio pubblico, offerte e sconti, vetrine di prodotti. Meglio se più volte al giorno.

    Anche se quello che viene pubblicato non è strettamente attinente all'argomento trattato nella pagina, se crea pubblico è lecito (sempre all'interno dei confini della "netiquette").

    Quando si ha una platea abbastanza nutrita, allora si può cercare di essere più specifici e magari meno frequenti, fermo restando che il grande pregio (e allo stesso tempo il grande difetto) dei social è che c'è una interazione continua tra chi pubblica un post e il suo pubblico, quindi chi segue una pagina si aspetta di avere delle risposte immediate alle proprie domande.

  • Quali canali sociali consiglierebbe ad una attività? Ce ne sono di indispensabili per accreditare la propria popolarità e la credibilità? Vi sono delle piattaforme più specifiche secondo settore aziendale?

  • Instagram, ad esempio cosa ne pensa?

    Indispensabili? Per essere ben piazzati su Google, che è il fine ultimo di ogni azione nel web (chi cerca un servizio o prodotto parte dal motore di ricerca, non dal social), bisognerebbe averli tutti, cosa impossibile da gestire!

    Di indispensabile c'è senz'altro Facebook, presente in oltre l'80% degli smartphone italiani.

    Poi, è molto popolare Instagram, sempre a livello di interazione tra utenti, tuttavia lo uso molto poco e quindi non mi sbilancio a fare commenti.

    Twitter lo vedo un po' sopravvalutato, infatti in Italia non è particolarmente popolare.

    Un social sottovalutato, invece, è Youtube: questa piattaforma consente di creare un canale video con il quale è possibile "parlare" con le persone, oppure mostrare in dettaglio qualcosa che altrimenti sarebbe solo detto. Al lato pratico, non è che la gente percepisca con immediatezza il peso di questo "social", ma avere un canale Youtube amplifica esponenzialmente l'effetto di qualsiasi pratica pubblicitaria e rafforza la presenza e il posizionamento in Google.

  • Gli hastag sono consigliati? A cosa servono realmente?

    Gli hashtag sono un metodo molto efficace per raggruppare specifici argomenti. Il loro uso è senz'altro consigliato per classificare i temi trattati in una pagina pubblicitaria e sono sempre più diffusi nei social come mezzo per rendere più diretto l'argomento trattato.Personalmente ritengo che, come tutte le cose, se anche questo metodo sarà troppo inflazionato perderà la sua efficacia.

    Faccio un esempio pratico riguardo a questa mia ultima affermazione: un paio di anni fa, alcuni dei più alti esponenti del mondo del marketing (Roberto Re e Marco Montemagno, per citarne un paio di italiani) si sono messi a produrre brevi video monotematici e li hanno pubblicati su Youtube, diffondendoli poi attraverso Instagram e Facebook.

    Si è rivelato un modo "prepotente" per guadagnare "like" ed incrementare esponenzialmente i followers. A distanza di un paio d'anni, questa pratica è stata adottata praticamente da tutti quelli che hanno qualcosa da dire e l'efficacia del metodo è andata in caduta libera. Queste persone hanno ormai una popolarità sconfinata, ma chi inizia adesso non sarebbe così fortunato.

    In realtà, l'unica vera ricetta per il successo di un'azienda è la capacità di rinnovarsi ed innovare: chi non possiede questa dote è destinato a finire (o tornare) nell'ombra.

Roberto Quintavalle

Grazie Roberto! Sei stato molto esaustivo e ci hai spiegato in termini semplici e molto chiari, ideali anche per chi non è del mestiere, di comprendere tutti i pro e i contro che derivano dalla propria presenza sui social.

A questo ti punto ti salutiamo, con l'augurio di sentirci di nuovo, per altre dritte sul mondo del web marketing e invitiamo a tutti di visitare il vostro sito.

 

 

 

 

 

 

Web marketing aziendale: consigli di un esperto.

Oggi in compagnia di Andrea Lugli, esperto di web marketing, parleremo di web marketing aziendale ed cercheremo di raccogliere dei validi consigli utili per tutti coloro che vogliono affacciarsi nel mondo del web nel modo più corretto, con i giusti mezzi e strategie per aumentare il proprio business online.

Per iniziare vorrei farle la più classica delle domande: Come e quando ha iniziato ad occuparsi d web e in particolare, la vostra azienda, di cosa si occupa?

Buongiorno e grazie a voi e a tutti i lettori. Mi presento brevemente: sono Andrea Lugli, CEO e Co-founder di SocialCities e LocalJob. Ho un background informatico ed ho iniziato ad interessarmi ed occuparmi di marketing già all'università. Successivamente, nelle mie prime esperienze lavorative, ho approfondito le competenze di web marketing e non ho più abbandonato questo campo.

SocialCities è un'agenzia di consulenza che offre al Cliente servizi e strategie per una corretta presenza on-line: hosting, siti web, app, e-commerce, software web, web marketing e molto altro.

SocialCities nasce nel 2014 ed è stata fondata da un team di sviluppatori e digital strategist. La nostra sede si trova ad Imola (Bologna), ma operiamo in tutto il territorio nazionale. 

La società si è formata attorno ad un progetto proprietario: l'app LocalJob, che ha vinto numerosi premi nazionali ed internazionali. Il team e i servizi, inizialmente molto tecnici ed incentrati sullo sviluppo, si sono espansi nel tempo, arrivando ad offrire consulenza anche in ambito web marketingSEO, SEM, Analytics, Content Marketing, Social Media, Facebook Ads e gestione blog aziendali. Ci occupiamo anche di tutta la parte di design, brand identity e creazione grafica di materiale on-line e off-line.

Parlando di blog aziendali, quali consigli utili potrebbe dare per ottenere risultati concreti e quali sono gli errori più comuni da evitare?

Il primo consiglio è partire da un'analisi del proprio target. Sembra scontato, ma non tutti lo fanno. E' chiaro però che, se non si conoscono le persone a cui ci si rivolge, non si possono impostare argomenti di loro interesse e con un linguaggio a loro affine.

Il secondo consiglio è elaborare un piano editoriale e, successivamente un calendario. E' importante programmare gli argomenti di cui scrivere ed è importante anche essere costanti nella pubblicazione.

Altro aspetto che considero fondamentale è il monitoraggio: dopo aver pubblicato dei contenuti, inizia la fase di monitoraggio dei risultati e l'eventuale aggiustamento della strategia editoriale.

É importante , secondo lei, avere un blog aziendale? Cosa consiglia in merito?

Avere un blog è importante se si hanno le risorse e gli argomenti per creare uno spazio interessante. Se non si dispone di risorse interne preparate, è meglio cercare collaboratori esterni che possano dare supporto. 

Il traffico che si riesce ad attrarre da un blog è sicuramente un traffico qualificato (a patto, ovviamente, che il blog sia stato studiato per raggiungere determinati obiettivi). Gli utenti che arrivano a leggere i nostri articoli sono mossi da un intento che li ha portati ad effettuare una determinata ricerca on-line. Se quella ricerca li ha portati a leggere un nostro articolo, significa che siamo stati in grado di rispondere a quella determinata domanda e che siamo entrati in contatto con un potenziale cliente. 

Per un azienda il branding è una parte essenziale; ha dei consigli per una promozione aziendale adeguata?

Il branding è un aspetto estremamente delicato, che richiede coordinamento e uniformità in ogni comunicazione aziendale, in ogni canale utilizzato e in ogni materiale prodotto. 

Il consiglio è quindi quello di creare delle linee guida chiare e condividerle con tutti i dipendenti e stakeholder, in modo che ognuno sappia come comunicare il brand nel proprio lavoro quotidiano. 

Social network, blog, siti web; un'azienda deve essere onnipresente o bastano alcuni canali per una buona visibilità e aumentare la credibilità  dell'azienda?

I canali sui quali essere presenti dipendono dalle specificità dell'azienda. Contano, ad essempio, le dimensioni dell'azienda, il mercato/i mercati in cui opera, le risorse (persone e budget) a disposizione, il target a cui ci si rivolge. In linea generale, noi di SocialCities riteniamo sia meglio essere presenti in pochi canali, ma in modo corretto ed efficace piuttosto che dividere le proprie risorse in molteplici canali, rischiando di essere presenti in modo scorretto e senza beneficiarne in alcun modo.  

Per scegliere dove e in che modo essere presenti, si deve sempre partire dall'analisi dei dati: le opinioni personali o le decisioni prese a scatola chiusa non funzionano.

 
 
Ringraziamo Andrea Lugli per i preziosi consigli e invitiamo tutti i lettori a visitare o contattare il team di SocialCities per qualsiasi genere di domanda sul mondo del web marketing:
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Hai una Web Agency? Diventa Reseller!

Diventa rivenditore di servizi di marketing e seo

  • Rivendi senza nessun tipo di Intermediario. E' semplice e remunerativo.
  • Oltre  50 servizi marketing per te o per i tuoi clienti. Aumentare il tuo fatturato non è mai stato cosi facile.
  • Assistenza dedicata e sconti personalizzati. Scopri gli sconti a te dedicati.

o chiedi informazioni dirette -> Tel 342.8610009

Acquistare like pagina Facebook Servizi di marketing e SEO professionale Aumenta le visualizzazione dei tuoi video e canali Youtube Realizzazione siti web Joomla professionali Acquista seguaci e followers per il tuo profilo Instagram 
Rivendi servizi di marketing di alta qualità vendita play spotify Servizi di social media marketing professionali Vendita Fan Facebook Italiani e Reali sviluppo siti web wordpress